giovedì 30 maggio 2013

Ale: una e trina

Sarà che ho scoperto che non posso tornare, sarà che il compleanno s'avvicina... Ma non so come non so perchè, in questi giorni c'ho la ligurite.
Ebbene si. 
Sono due giorni che cucino piatti tipici della mia terra, e quanta nostalgia!
Ma non una roba da tagliarsi le vene, sia chiaro. E' più una reazione simile a quella che ebbe il malefico critico Ego quando assaggió la ratatouille fatta dal ratto Rémy.
La settimana scorsa parlavo con uno dei miei studenti della carne coniglio. Di come sia molto usata in Liguria, dove non ci sono pascoli sufficienti per avere carne bovina. Qui in Louisiana è un po' la stessa cosa, infatti se magnano de tutto, peggio che Italia ;)
Mica come in Califoggia che se dicevo fegato o coniglio ancora un po' morivano d'infarto, infatti erano cose introvabili. Qui andiamo dalle rane alle lumache, dall'alligatore al procione, passando per tartarughe, conigli, crawfish e cazzi e mazzi.
Insomma, tutto sto preambolo per dirvi che, dopo il mio spiegone culinario con tanto di occhi trasognati, oggi, lo studente, mi ha portato un coniglio da cucinare. La sua collega ha un allevamento e mi aveva detto che ogni tanto gliene rifila uno o due, ma che lui non sa che farsene perchè no lo sa cucinare (perchè la sua famiglia è di El Salvador, che se era di qui, col cazzo che mi dava il coniglio :)).
Bene, tutto questo mi ha messo ancora più di buon umore di quanto fossi ieri dopo aver fatto la rattatuia, altro piatto tipico dei mie posti.
Brutta, ma buonissima!
Poi mi davo delle pacche sulla spalla da sola perchè l'ho fatta con le erbe aromatiche fresche che cresco sul balcone. Sono soddisfazioni :)
Adesso sono qui che mi crogiolo nel profumo del coniglio alla ligure che sta stufando sui fornelli.
Se chiudo gli occhi e mi affido solo all'olfatto, mi sembra di essere a casa in Italia. 
Però devo dire che non mi succede solo ed esclusivamente con i piatti liguri. Infatti, la Ale, come  dice il titolo, è fatta da tre "origini" diverse: Liguria, Piemonte e Sicilia.
Quindi mi viene la nostalgia sia che mangi la buridda di seppie di Zia Colomba, la bagna cauda di Nonna Fra Tuck (mettele una parrucca di pelo grigio ispido, è uguale) o le badduzze cu i patati di Nonna Iena, io, sempre a casa mi sento :)
 Che poi ne ho citati 3, ma di piatti con cui sono cresciuta, ce ne saranno mille mila, ma impariamo a limitarci ogni tanto :)
Ma passiamo al lato SwampOpera del blog.
FB friends che vanno FB friends che vengono... 
L'altro giorno ho dato un'abbondante sfoltita alla mia lista, anche perchè di gente che non mi caga, non so davvero cosa farmene. A rimpolpare la cifra di amici sono arrivate persone molto valide :) Di una però, ne avrei fatto a meno, diciamo la verità... La persona è Indecisa.
Indecisa che mi annuncia che tra due settimane ripiomba qui e che deve asssssssolutamente vedermi appena scende dall'aereo (con grande gioia di Indeciso, direi, che  vive nel terrore che qualcuno le dica che si è trombato allegramente in sua assenza).
Ma non finisce qui, perchè le "disgrazie" non vengono mai da sole... vabbè, adesso disgrazia era una parola brutta, però, visto quanto mi piace avere ospiti di questi tempi, forse è giusto usarla.
 Come sempre, mi hanno fatto il tranello della cadrega: Ciao Ale! Vengo per un fine settimana, sei contenta? Così ci vediamo.- 
Yay si grande! 
-... Però ti volevo chiedere se posso stare da te...-
Quanti giorni aveva detto?!
Io avevo capito un fine settimana, voi?
Ecco.
Dal 11 al 17.
Sti americani hanno dei weekend lunghi peggio che i ponti degli italiani eh!
Chiaramente, sia questo amico che Indecisa, saranno qui allo stesso momento.
Qualcun altro vuole unirsi?!
Ma poi Indecisa merita un'ulteriore appendice: vi ricordate che era venuta per stare 2 notti e fare il trasloco della roba lasciata ad Indeciso?
Bene.
Era venuta col nuovo fidanzato nonchè coinquilino, pessima idea.
Non solo era stata una settimana, non solo non aveva fatto altro che provarci con Indeciso, ma, non aveva manco fatto il trasloco, restituendo lo U-haul senza averlo usato per 7 giorni.
A questo punto: il fidanzato ha perso il lavoro perchè è stato troppo in ferie, è stato mollato, è rimasto senza casa ed è pure dovuto tornare in VA su Greyhound. Cioè, questo è un caso da Doctor Phil :))
Lei è tornata in aereo.
Ecco. 
Secondo voi stavolta come finisce?




27 commenti:

  1. il profumo dei pranzetti che risveglia bei ricordi ha una funzione rilassante e rasserenante anche per me.. solo che non sempre mi escono come vorrei e può capitare che i profumi mi stordiscano! :P

    mi vien da pensare povero il fidanzato di Indecisa!!
    Aspettando la prossima puntata.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh a volte faccio delle cose mal riuscite anche io, hanno di buono che mi fanno passare la voglia di mangiare una determinata cosa per un po' :)

      Il fidanzato di Indecisa, secondo me, è rimasto nella nube alcoholica da cui s'è fatto avvolgere qui, comunque povero davvero :(

      Elimina
  2. uuuuhm. Ieri sera su whats upp me la sono menata venti minuti dalla polonia con una mia amica spagnola che vive a Genova: io che mi lamentavo della crisi d'astinenza da olive buone, lei della fanta al limone :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh le taggiasche! Io sono viziata perchè Mangusta e The Mexican me ne mandarono un pacco tempo fa, che centinello, infatit le ho messe nel coniglio ed è uscito meraviglioso come a casa:)
      Ma la fanta al limone?! Chissà...
      Qui la fanta fa schifo, in Italia è l'unica bibita gasata che bevo, insieme alla sanguinella, ma qui è una roba disgustosa. Il the freddo alla pesca mi manca parecchio, ammetto.

      Elimina
  3. La parte del coniglio l'ho saltata, poverino, ultimamente neppure riesco più a leggere cose su piatti non vegani ...

    Però voglio proprio sapere come finirà con l'invitata indecisa, mi unirei anche io per seguire la telenovela in diretta ... forse sulla porta di casa dovresti mettere un banner che dica: l'ospite è come il pesce, dopo 3 giorni puzza ...

    Io dovrei farne la versione vegana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però la parte sulla rattatuia era vegana, anzi, t'ho pensata perchè era buonissima con la quinoa :)
      Mi sa che lo devomettere un po' da per tutto sto banner, e magari anche mettere dei messaggi subliminali su dei post it da lasciare in giro per casa...

      Ti aggionerò sullo spin off della Swamp Opera che chiamerò "Indecision" :)

      Elimina
  4. ciao ti ho scoperta da poco mi piace tantissimo il tuo blog :-)

    anche io sono di genova, che dirti ... mi comprerò in sottoripa un cartoccino di panissette e cuculli e me lo mangerò alla tua salute per festeggiare a distanza il tuo compleanno ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, grassie :)
      Sai che ci pensavo proprio l'altro giorno di farmi la panissa, ma non mi fido molto della farina di ceci che hanno qui, vedo se Mangu mene manda un pacco, poi provo. Io sono di un po' più ad Ovest, de Sann-a, ma siamo molto molto vicine :)

      Elimina
    2. mmmm no non ti fidare dei ceci foresti :-D

      Elimina
    3. Infatti infatti, chiederò a mamma per quando rientriamo in una temperatura da panissa :)

      Elimina
  5. Ah, quella scena del critico malvagio che torna bambino è davvero bella...e racchiude un po' l'essenza della (mia) cucina. Vedo che anche tu vivi il cibo spesso come accostamento di profumi e sensazioni!
    Il coniglio lo salto, da bambina mia zia la conigliara mi gabbò facendomi credere che era altra carne e io ne mangiai un pezzo per scoprire dopo che trattavasi dall'odiato animale.
    Ma fammi capire, fai dei corsi di cucina? Mi sono persa 'sto passaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, il cibo è un po' lamia terapia, specialmente quando mi sento nostalgica. E' una cosa mia, che gli altri a volte amano assaggiare, ma la preparazione è una cosa intima e che faccio sempre da sola, mi fa sentire a casa.
      Ah! Vedo che il coniglio non ha molti fans nemmeno tra gli italiani. Se penso che è un roditore effettivamente faun po' senso, ma è propio buonissimo, ma è anche perchè ci sono venuta su a botte si coniglio stufato :)
      No no, corsi non di cucina (anche sene parlo parecchio, ma di italiano :)

      Elimina
  6. che buono il coniglio!quando avevamo il coniglio in casa, un coniglietto nano, e mia madre cucinava la carne di coniglio appunto(w le ripetizioni) ci sentivamo in colpa: un boccone e uno sguardo al pet, un altro boccone e il pet che ti guardava.son traumi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahahaha! Mi hai ricordato la scena in cui Homer prende Pizzicottina per crescerla e mangiarsela, ma poi finisce che diventa l'animale da compagnia, una delle mie puntate preferite, specialemente la fine :)

      Elimina
  7. Vado controcorrente se ti dico che pure a me piace il coniglio? Poverino? Io non credo che una tigre affamata, se mi incontrasse, mi direbbe poverina.
    Per il resto..... Cucina piatti che agli ospiti invadenti non garbano ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Machcè Eu, io mi sento in colpa per tutto, ma il coniglio mi piace proprio, come ho detto sopra, faccio come Homer nel finale di puntata con Pizzicottina ;)
      Per gli ospiti manco pane e acqua, che qui è zona deglutineazzata, altro che cucinare! Uscire e comprare dal ristorante se c'avete fame ;)

      Elimina
  8. Bello chiudere gli occhi e sentirsi a casa, da un pezzo non mi succede più nemmeno quando sono...a casa!!!
    che succede stavolta!!! maaaaaahhhh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh no :(
      Veramente è l'unica cosa che mi da un po' di serenità, anche se a casa mia in Italia, la parola serenità è un po' una sconosciuta tra liti e urli... Ma diciamo che, quando c'è silenzio, mi manca :)

      Elimina
    2. ma allora deve essere l'Italia che fa questo effetto! però ai ragione, oggi è stata una di quelle giornate in cui mi sono mancati anche i continui battibecchi dei miei, renditi conto...

      Elimina
    3. ho fatto anche un'orrore di grammatica, sorryyyy!

      Elimina
    4. Io non li conto più gli orrori ortrografici, a dire il vero, non li vedo nemmeno più hp perso il sensore :)

      Elimina
  9. io invece ho le tue origini uguali meno Piemonte e sai che non so neppure un nome originale delle ricette che sono sono regionali ? mia nonna parlava in genovese ma non me l'ha insegnato, o forse sono io che nn le ho mai insistito, e quando sento parlare in genovese, mi viene la nostalgia della nonna....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vuoi ti insegno io se mi dici cosa c'era nelle ricette :)
      Capisco, anche a me succede che viene nostalgia quando vedo film con espressioni dialettali qui, sigh! Viva le nonne!

      Elimina
  10. Senti, volevo dirti, ma non è che mi ospiteresti per un mesetto o giù di lì, ovviamente vorrei una stanza tutta per me con connessione wireless, e poi magari già che ci sei mi cucini tutti quei manicaretti che hai messo nel menu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che la faccenda è peggiorata ancora! Ora viene solo per 3 notti, ma si era dimenticato di dirmi che viene con un suo amico. Mortacci!

      Elimina
  11. Quanto mi piacerebbe venire da te e portarti un pezzo di casa tua! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quanto piacerebbe a me tu venissi Tesora! :)

      Elimina