venerdì 11 settembre 2015

Lo Pterodattilo da Cortile

E' ormai un anno che mi sveglio pensando di essere o nella foresta pluviale o sul set dell'ennesimo Jurassic Park.
All'inizio pensavo che quegli urli stridenti appartenessero a qualche pappagallo amazzonico sfuggito alla prigionia e rifugiatosi negli alberi difronte a camera mia.
All'inizio era uno.
Uno che però urlava talmente forte che lo sentiva pure Mangusta via Skype. E le finestre erano chiuse. E c'era l'aria condizionata accesa.
Non so se mi sono spiegata.
Era INSOPPORTABILE.
Per fortuna la notte taceva.
Avevo fatto mille ricerche per capire da chi fosse prodotto questo richiamo simil-unghie sulla lavagna, ma non avevo scoperto molto.
Finchè non l'ho visto.
L'urlatore folle, infatti, non si era trasferito a caso di fronte a camera mia. NO.
Lo Pterodattilo Mississipiense da Cortile aveva infatti stabilito la sua dimora ad una breve distanza dalla sua nuova fonte di sostentamento: le mie ciotole di cibo secco per i gatti.
I balconi di New Orleans sono fatti apposta per gli uccelli. Io pensavo addirittura di montarci una casetta per vedere se quei poveri uccellini sfrattati dal camino della casa di fronte volessero trasferirsi da me.
Avevo un po' di timore però, visto che mi prendo cura di multipli randagi che ormai vivono sul mio balcone (si avranno capito che ero zitella e vivevo sola...).
Niente, mentre ponderavo sulla casetta lo Pterodattilo da Cortile s'è insediato. Inutile dirvi che da uno dell'estate scorsa, adesso ce ne sono mille mila. Ovunque vai senti sti richiami preistorici da un albero all'altro. Un'invasione.
Ma che è stata tutta colpa mia e del cibo per gatti?!
E poi: io che mi preoccupavo dei felini cacciatori... Questi imbecilli se menano solo tra di loro per proteggere la ciotola di cibo, nel mentre che s'azzuffano, blatte preistoriche e pterodattili se magnano tutti i croccantini e mi scagazzano pure sulle sedie del tavolino da bistrot.
Li mortacci vostra gatti rincojioniti :(


14 commenti:

  1. Mi metti una foto dell'essere? Per spaventare uccelli di dimensione piccione, a Glasgow all'aeroporto ho visto un finto gufo e una finta aquila appesi, nuove decorazioni da balcone?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è troppo veloce per il mio dito e non sono riuscita a fotografarlo, ma è un comunissimo blue jay. Non sono manco prutti a vederli, peccato siano insopportabili da ascoltare :( Ho pensato di mettere dei gufi finti ma ho letto che dopo qualche tempo si accorgono che è una cosa innocua e riprendono l'andazzo come prima

      Elimina
    2. Hahaha, non gliene frega un cazzo dei gufi finti! Le blue jay poi sono perfide (e te lo dice un'appassionata ornitofila), intelligenti e aggressive, e fregano pure le uova dai nidi altrui.

      Elimina
    3. Li mortacci loro! Pare di essere nella preistoria co' 'sti urli, ma quante cazzo di covate fanno?! Ce n'era UNO l'anno scorso, ora siamo INVASI. E si che a vederli non sono manco brutti, peccato che siano degli scassa coglioni

      Elimina
    4. Gli scassacoglioni hanno sempre il sopravvento, anche fra gli umani.
      Senti, non c'entra un tubo ma volevo dirti che ho lasciato due commenti al tuo post sul blog delle Fuse e il blog se li è magnati. Fa niente, tanto erano solo robe tipo "I hear you sister".

      Elimina
    5. Sai che invece io li vedo quei commenti, chissà come mai... cmq misteri di WP, peggio che quelli del Vaticano

      Elimina
  2. Tu li nutri troppo questi gatti! Ovvio che poi non considerino nemmeno di striscio gli pterodattili mutanti del Mississippi !

    ---Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che se li metto a dieta poi me li scacciano? Ma no dai, non li posso mettere a stecchetto, già soffrono di PTS da ex morti de fame se tardo 5 minuti sono sulla porta a fare la fila manco non mangiassero da 2 settimane, i miei poveri gatti panzuti e rinco :D

      Elimina
  3. Ma quale stress post-traumatico! Sono gatti! Sono furbisssssimi!

    ---Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, l'unica soluzione che ho trovato finora è di mettere il bibo fuori solo dopo che viene buio, sperando che sia mangiato tutto prima che sorga il sole (oh sia chiaro che non è che gli sia dei quintali di roba da mangiare, il giusto. Ma certi giorni uno di loro manca all'appello e mi rimane una cucchiaiata di crocchette avanzata la mattina)

      Elimina
  4. Il dolce risveglio con i suoni della natura :D

    RispondiElimina
  5. Non ci sono più i gatti di una volta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi proprio se ne battono altamente, altro che gatti randagi... lol

      Elimina