lunedì 13 febbraio 2012

You have to gimme some more



Il mini freddo siberiano sembra che se ne sia già andato a fanculo. Meno male.  Non sono più abituata ad un inverno vero. Sono 5 anni che mi faccio, al massimo, 2 settimane d'inverno qui e 2 in Italì quando torno per natale. Che poi "inverno" per modo di dire. Mica che si va in giro con il passamontagna a sbuffare vapore acqueo dalle narici... Al massimo, invece che paperina di carta pesta, te tocca metterte un paio di scarpe da ginnastica di plasticazza.
In Califoggia era autunno tutte le mattine e tutte le sere, ed estate, o primavera, da mezzogiorno alle 16. La calzatura del glorioso Golden State è l'infradito. Spero che nel nord dello stato ne abbiano un altra, perchè, come disse Mark Twain "The coldest winter of my life was the summer I spent in San Francisco."
Che noi, poveri pischelli italici, ci si pensa che la California sia tutta come Malibù, che puoi andare in 
in costume a fare il picnic anche nel Redwood Park a dicembre. Ma passiamo ai racconti della giornata odierna.
Nonostante il sonno teribbbbbile di stamattina, sono andata a lavoro di buon umore. O meglio, ero di buon umore finchè non sono salita in bici e il vento mi ha fatto sudare 4 camice per arrivare al laboratorio
Tra l'altro, nonostante mi sia ricordata di non passare su N Rampart che è chiusa per lavori dopo la ferrovia, di non passare su Chartres che è chiusa per lavori prima della ferrovia e di passare, quindi, sull'unica altra strada agibile rimasta che era Dauphine, è stato tutto inutile. Infatti, anche Dauphine stamattina era chiusa due isolati dopo la ferrovia.
E allora la domanda sorge spontanea: ma voi, o grandissime teste di cazzo che programmate i lavori in corso, ma vi rendete conto che avete chiuso 3 strade consecutive TUTTE a senso unico e TUTTE allo stesso livello?! Ma secondo voi, uno, da dove passa?! Tra l'altro con la bici e il vento a sfavore. E poi: ma solo qui non mettete i cartelli "detour due isolati prima del fattaccio così che uno abbia il tempo di girare ad un incrocio senza andare contromano?!
Facendo la gincana fra un bulldozer e una buca profonda come l'inferno dantesco, sono riuscita ad arrivare a lavoro, dove mi aspettava il problema dei problemi.
Insomma che sono riuscita a preservare il buon umore anche li. 
Tutto pareva andare più o meno a gonfie vele finchè Von Lemminge non s'è svegliata dal torpore del letargo. Nel giro di mezz'ora ha citofonato 5 volte per chiedere se quello o questo fossero pronti da consegnare.
NB che a lavorare eravamo in 3. Sempre le solite 3. Le 3 sfigate che: non sono incinte, non hanno figli e abitano nel quartiere adiacente. Non so se Von Lemminge si renda conto o meno, ma, se non c'è forza lavoro, sarà ben difficile che oggi si sia riuscito a finire quello che è arrivato venerdì all 5.
Quindi, non paga della risposta "non l'abbiamo ancor iniziato perchè stiamo finendo quello che ci hai chiesto di finire la settimana scorsa" è arrivata su di sopra col la foga di un tricheco durante i duelli pre accoppiamento. E secondo voi su chi si è accanita?
Mi pare giusto. In fondo sono l'unica che è a lavoro che è a capo di un dipartimento, perchè non rompere il cazzo anche a me così magari mi licenzio pure io, mi metto part time o mi faccio fare una bella inseminazione artificiale così mi metto in maternità che tanto non  mi paghi, eh?!
Sto lavorando su 4 dipinti contemporaneamente, tutta roba che, a giorni alterni, è "dafinireurgentemente" o "perchèstailavorandosuquellochenonèurgente", roba che manco Dottor Jekyll e Mister Hyde... ma non basta. No. Non solo devo tenere a bada Big Fish che inizierebbe 20 lavori per non riuscirne a finire uno, no. Adesso c'ho pure Von Lemminge che vuol bite more than we can chew.
Quindi, secondo lei, avrei dovuto: pulire un dipinto, verniciarne un altro e, contemporaneamente rintelare, stuccare e ritoccare 3 dipinti diversi. Tutto questo al buio visto che fuori c'era il cielo del colore di quello sopra casa di Dorothy poco prima che il ciclone la spazzasse verso quel di Oz. Perchè tanto, il ritocco nelle tenebre, lo devo fare io...
Volevo chiederle se avrebbe gradito anche un sashimi di culo.
Poi, passata anche questa tempesta, Big Fish è caduta in crisi mistica. Ha fatto un altro casino su un pezzo di carta e ora si strugge pensando alle truci parole pronunciate da Asso Piglia Tutto la settimana scorsa: -tu non sei capace, sei una terribile restauratrice di carta.-
Meno male che alla fine siamo andate a fare un giro per negozi carnevaleschi, almeno, dopo aver speso $40, le è ritornato il buo umore, perchè Big Fish depressa è un po' come vedere gli abitanti di Fantasia quando passa il Nulla.

19 commenti:

  1. Dopo la citazione da La Storia Infinita, sposami! Tanto non sarebbe un matrimonio impegnativo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Awwww! Finalmente una proposta di matrimonio, non ci speravo più! :) Yes, yes I do! :))

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie Cara, solo l'ironia mi tiene a galla :)

      Elimina
  3. Ahah! Anche qua hanno la simpatica abitudine di non mettere cartelli per segnalare lavori in corso, così ti trovi in mezzo ai casini e ti tocca prendere strade alternative che non sai dove sbuchino...ovviamente. Altro che indicazioni di percorsi alternativi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse ero abituata male in california che te li mettevano 10 isolati prima che poi non capivi più dove era sto cantiere, pareva sempre un falso allarme ad ogni angolo, però almeno ti avvisano. Qui te ne accorgi quando ti stai per schiantare contro una ruspa o cadi nella fossa delle marianne prosciugata. Mi consolo che anche li non va meglio.

      Elimina
  4. Secondo me voleva il sashimi di culo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' la capisco, sai com'è, il mio culo è la versione carnivora del fatty tuna, una prelibatezza ;)

      Elimina
  5. Il sashimi di culo è un'opera d'arte.
    Un giorno faremo un confronto dei nostri capi.
    Io, il mio, lo chiamo Mr. Ansia, ormai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perchè debbano diventare irragionevoli, secondo me pensano che lo facciamo apposta a non produrre abbastanza e non si rendono conto che il problema principale è il loro comportamento scassacoglioni.

      Elimina
  6. Devi proporre a Von Lemminge di assumere la Dea Kalì e, nel frattempo, di andarsene a fanculo insieme al mini freddo siberiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Belin, tranuqilla che anche alla Dea Kalì direbbe che non ha iniziato a fare abbastanza quadri, che non è che lei ha la scusa di avere solo due mani ;)

      Elimina
  7. Leggendo, prima ho pensato ad E.T., poi mi sono perso!

    RispondiElimina
  8. Beh, un'ottima giornata, direi! Ma che lavoro fai? Sono sicura che l'hai spiegato in passato, ma magari un messaggio per chi come me si e' collegato solo in questo momento? Cmq lascia perdere la maternita'! Per 6 settimane del cacchio che ti danno qui in America, non ne vale la pena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faccio la restauratrice di dipinti (ma il mio capo cerca sempre di rifilarmi qualsiasi materiale...). In Italia facevo anche affreschi e, qui e la, ho fatto cornici e doratura. Insomma: MacGyver dell'arte ;)
      Ma magari 6 settimane! Von Lemminge manco quelle! Un calcio in culo e basta :(

      Elimina
  9. Perfetta la descrizione del tempo nordcaliforniano. E fantastico il sashimi di culo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cara, come dire, provato una volta, non si dimentica più come clima :) Il sashimi di culo è una di quelle frasi idiomatiche che nascono dopo anni di vita da immigrato. C'ho gli insulti fusion ;)

      Elimina